Questo sito utilizza i cookie

Su questo sito utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per cosa li usiamo?
Per permetterti di utilizzare alcune funzionalità del sito, per raccogliere dati statistici anonimi e per fini di marketing. La scelta rimane tua.

Mostra dettagli
Preferenze Cookie
Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Vedi la lista completa
Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima, escludendoli dal consenso dell'utente.

Vedi la lista completa
Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

Vedi la lista completa
Ambulatorio on line
Elenco delle patologie

Dito a martello

Che cosa è:
è quella situazione nella quale l’ultima parte di un dito (falange distale) rimane più o meno flessa. Questo atteggiamento è dovuto ad una lesione del tendine che fa estendere il dito (fig.1) oppure ad una frattura della parte dell’osso dove questo tendine si inserisce (fig. 2). Le cause possono essere legate sia ad una trauma importante, come durante l’attività sportiva, sia a situazioni banali quali il rimboccare le coperte. La diagnosi è prettamente clinica, ma è buona regola eseguire una radiografie per valutare se vi sia la presenza di un frammento osseo.


fig. 1

fig. 2

fig. 3

Come si cura:

in caso di lesione del solo tendine e con una flessione non eccessiva, può trovare indicazioni un tentativo incruento tramite utilizzo di un tutore (fig. 3) di posizione per circa sei settimane. In caso di flessione eccessiva le reinserzione del tendine è indicata tramite un intervento chirurgico. Quest’ultimo è altresi indicato in presenza di un frammento osseo. Dopo il periodo di immobilizzazione di alcune settimane, fondamentale è la riabilitazione.